salta ai contenuti
Turismo in Pianura
 

Sito ufficiale di informazione turistica della Pianura Bolognese

Stagione teatrale 2019

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Locandina della stagione teatrale
Locandina della stagione teatrale

Dove: Teatro Spazio Reno, via Roma 12, Calderara di Reno, 40012 (BO)

Quando: da gennaio a marzo, 2019

 

Riparte la stagione teatrale di Spazio Reno a Calderara di Reno: come gli anni scorsi gli spettacoli si rivolgono a bambini, ragazzi e famiglie (Piccoli Pianeti), agli adulti (Costellazioni amiche) e anche a chi predilige il teatro dialettale (A Baluus!).

 

Si parte venerdì 11 gennaio alle 21 con lo spettacolo Clown in libertà, una storica produzione di Teatro Necessario, dove teatro d'attore, clownerie e musica dal vivo si mescolano in uno spettacolo pieno di euforia, ricreazione e stupore. Una serata rivolta a tutti - bambini e adulti - all'insegna del divertimento, con tre clown pieni di energia e di talento alle prese con l' allestimento di uno spettacolo e di un concerto continuamente interrotto.

 

E di musica tratta anche Quassta l'è la mi zitè, un concerto con Fausto Carpani e Antonio Stragapede che inaugura A Baluus!, domenica 20 gennaio alle 16, dove saranno presentate canzoni in dialetto bolognese e vecchie immagini di Bologna.

 

Il fine settimana successivo è dedicato a una compagnia teatrale pugliese, Burambò, che presenterà due spettacoli: Il ballo, venerdì 25 gennaio alle 21 e Secondo Pinocchio, sabato 26 gennaio sempre alle 21.

 

Il ballo, tratto da un racconto di Irène Némirovsky, si rivolge a un pubblico adulto, ed è un racconto teatrale dove la verve comica e affabulatoria di Daria Paoletta ci trasmette un ritratto impietoso e tragicomico di una parte della società del secolo scorso, nella quale è molto facile riconoscere tracce della nostra epoca e della nostra vita.

 

Secondo Pinocchio è invece uno splendido spettacolo di teatro di figura, riservato ai bambini a partire dai 4 anni e alle loro famiglie: la conosciuta storia del burattino è raccontata dallo stesso Pinocchio, a cui si aggiunge l'intervento in diretta dei suoi stessi animatori, in un dialogo a tre fatto di ironia e di momenti di grande tenerezza.

 

La stagione di Piccoli Pianeti per bambini e famiglie prosegue domenica 10 febbraio alle 17 con Gretel e Hansel, il nuovo spettacolo del teatro delle Briciole di Parma, che fa parte dell'interessante   progetto Storie sulle Spalle, dove i caratteri espressivi del teatro di figura avvicina tre fiabe classiche trasferendole ognuna in un particolare congegno, un costume che porta in sé tutti gli elementi della fiaba. Lo spettacolo, adatto a bambini coraggiosi! a partire dai 4 anni, porta in scena una storia che parla di paura, di fame, di miseria e di abbandono, tutti ingredienti necessari per una fiaba che si rispetti!

 

Un appuntamento davvero speciale, rivolto in primis agli adulti ma sicuramente molto gradito anche dai bambini più grandi, è lo spettacolo Pulgarcito (Pollicino) in scena venerdì 15 febbraio alle 21: una produzione spagnola, di teatro Paraiso, che - ribaltando la classica storia di Pollicino - mette in scena il rapporto tra un vecchio padre fragile e un figlio costretto dalla vita ad abbandonarlo: uno spettacolo comico e delicato, dove il riso si mescola alla commozione e dove la fiaba trova una nuova entusiasmante visione.

 

Per gli appassionati del dialetto I amigh ed Granarol presentano domenica 17 febbraio alle 16 L' Indveìn , una brillante commedia in due atti scritti e diretti da Lorenzo Guernelli.

 

Ultimo appuntamento del mese per i bambini e le famiglie sabato 23 febbraio alle 21 con I brutti anatroccoli, della compagnia piemontese Stilema/Unoteatro. Liberamente ispirato alla fiaba di H.C. Andersen, lo spettacolo, adatto ai bambini a partire dai 3 anni, porta in scena il grande tema della diversità e della disabilità, e si rivolge a tutti noi, alle nostre inevitabili debolezze e manchevolezze, alla nostra diversità che altro non è che la nostra ineguagliabile ricchezza. Uno spettacolo imperdibile e necessario, che parla al cuore prima che alla ragione. 

 

Domenica 3 marzo alle 16 la compagnia dialettale Masetti conclude la rassegna A Baluus! con lo spettacolo Mo chi tà mandè in pensian? Il titolo della commedia è già di per sè molto esplicativo, trattando un argomento attualmente molto sentito!

 

Gli ultimi due spettacoli in programma sono nuovamente dedicati ai bambini e alle loro famiglie: domenica 10 marzo alle 17 per i bambini più piccoli (a partire dai 3 anni) il teatro Telaio presenta Nido, uno spettacolo senza parole che coinvolge piccoli e grandi in un gioco teatrale di grande efficacia, e che richiederà la partecipazione attiva di genitori e bambini alla costruzione di un nido, che accolga e protegga i suoi futuri ospiti: un omaggio poetico e divertente rivolto soprattutto ai genitori imperfetti!

 

La stagione 2019 si chiude sabato 16 marzo alle 21 con Luigi D'Elia, di INTI, che incanterà il pubblico dei bambini (a partire dai 6 anni) e degli adulti con La grande foresta, un meraviglioso omaggio alla natura, alla trasmissione dei saperi, alla lentezza, agli uomini ... e ai lupi!

 
Info sull'evento

Orario: vedi programma
Tariffe: bambini e over 65 € 5,00 adulti € 8.00 riduzioni (€ 7,00): Younger Card, Carta DOC, soci Coop Alleanza 3.0 (le riduzioni non sono cumulabili)
Organizzazione: Teatro Spazio Reno
Info: Teatro Spazio Reno
Tel. 0039 051 722700

 

Per la rassegna dialettale "A Baluus!" le prenotazioni si ricevono alla Biblioteca comunale "Rinaldo Veronesi", via Roma 27
tel. 051.6461.247 
biblioreno@comune.calderaradireno.bo.it

Come arrivare
Info sulla località

URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Calderara di Reno

Piazza Marconi, 7 - 40012 Calderara di Reno (BO)

Tel. +39 051 6461205 -  6461201 - 6461280

 
Orari di apertura: 

da lunedì a sabato dalle 8.30 alle 12.30, giovedì orario continuato fino alle 18.30

Luglio e agosto: orario estivo da lunedì a sabato dalle 8.30 alle 12.30

 

 

Ultimo aggiornamento: 18-02-2019

 
 
A cura della Redazione Pianura Bolognese
 
 
 
 
torna ai contenuti torna all'inizio