salta ai contenuti
Turismo in Pianura
 

Sito ufficiale di informazione turistica della Pianura Bolognese

Festa della Storia nella Pianura Bolognese

Festa internazionale della storia 2018 - locandina
Festa internazionale della storia 2018 - locandina

Dove: vari luoghi nei comuni della Pianura Bolognese

Quando: 20-28/10/2018, con eventi successivi fino al 14/12/2018

 

 

Torna la XV Festa Internazionale della Storia, la principale manifestazione europea del settore, organizzata dall'Università di Bologna e con la collaborazione di numerose istituzioni pubbliche e private.

 

"I volti della storia ci offrono un immenso patrimonio di beni, di idee e di cultura che costituiscono il retroterra necessario a comprendere il presente e a progettare più consapevolmente e con più ampie prospettive il futuro personale e collettivo. I lasciti che ci giungono da tempi vicini o remoti costituiscono le risorse comuni e individuali in cui convergono esperienze e innovazione, eredità e progettazione, saperi antichi e recenti. La percezione e la consapevolezza dello spessore del Patrimonio rivelano la pienezza della persona mettendo in campo tutte le eredità culturali e scientifiche che permettono di perseguire personalità e identità dagli apporti molteplici, dagli orizzonti ampi e dagli sviluppi illimitati e di condurre scambi concettuali, comparazioni e integrazioni con un dialogo interculturale da svolgersi in tutti i settori delle attività umane".

 

Un bel numero di eventi si svolge anche nei Comuni della pianura, come Casalecchio, Ozzano, Budrio, Granarolo, Castenaso, San Giovanni in Persiceto e Crevalcore. Qui di seguito il programma dettagliato.

 

Programma:

 

Giovedì 25 ottobre

Casalecchio di Reno (Bo)
Biblioteca comunale C. Pavese
Casa della Conoscenza
Via Porrettana, 360

Raccontare la storia

Ore 18.00

Arti e mestieri di strada a Bologna nei secoli. Conferenza di Ivana Monesi.

Alla scoperta delle arti e dei mestieri di strada a Bologna tra XIV e XVIII secolo attraverso le incisioni e i versi degli autori bolognesi.

 

Giovedì 25 ottobre

Granarolo dell’Emilia (Bo)
Biblioteca comunale Gianni Rodari
Via San Donato, 74/25

Raccontare la storia

Ore 20.45

1918-2018: la fine di una guerra, il segno della storia nella nostra terra. Conferenza di Domenico Alvisi.

A cent’anni dalla fine della prima guerra mondiale, testimonianze e documenti per rintracciare il segno lasciato nel paesaggio e le prospettive ambientali che ne sono derivate.

 

Venerdì 26 ottobre

Casalecchio di Reno (Bo)
Casa della Conoscenza
Via Porrettana, 360

Raccontare la storia

Ore 17.00

La montagna sospesa. La comunità dell’Appennino dopo la costruzione della Variante di Valico. Conferenza di Nader Ghazvinizadeh.

La storia della costruzione di una strada che attraversa l’Appennino tosco emiliano, con gallerie e trafori costruiti con strumenti giganteschi. Un’opera che ha cambiato il territorio che attraversa e una comunità, parcellizzandola e arricchendola con le esperienze degli operai che l’hanno costruita, operai che vengono da lontano. Comune per Comune ricomporremo le vicende di una montagna, passando ad esempio da La Quercia, una frazione da dove non si vede il cielo perché sovrastata dai viadotti, ora abbandonata. Oppure da Sparvo, paese a strapiombo sulle gallerie. A cura dell’Associazione Amici della P. Levi / Valle del Reno, in collaborazione con la Biblioteca C. Pavese.

 

Sabato 27 ottobre

Ozzano dell’Emilia (Bo)
Biblioteca Ragazzi
Piazza S. Allende, 18

Raccontare la storia

Ore 10.30

Mani argilla culture. Laboratorio per bambini.

Un laboratorio d’argilla che, attraverso giochi, esperienze e indagini sensoriali accompagna i bambini a scoprire l’argilla: un materiale che, fin dall’antichità e nelle diverse culture, ha identificato la capacità dell’uomo di fare, progettare e immaginare. A cura dell’Associazione Blu Sole. Costo: 10 euro. Info e iscrizioni: 338/4925083 o laboratori@blusole.com.

 

Sabato 27 ottobre

San Giovanni in Persiceto (Bo)
Palazzo Comunale
Sala del Consiglio
Corso Italia, 70

Raccontare la storia

Ore 11.00

La Casa dell’Abate a San Giovanni in Persiceto: indagini scientifiche e archeologiche per la conoscenza di un raro «edificio-fossile». Conferenza.

Presentazione dei risultati delle indagini scientifiche e archeologiche condotte per la conoscenza di un raro edificio-fossile a cura degli studenti dell’IIS “Archimede” ed in collaborazione con il Museo Archeologico Ambientale. Progetto risultato vincitore del bando regionale “Io amo i BC ed. 2017” – IBC Regione Emilia Romagna. A cura del Museo Archeologico Ambientale – sede di San Giovanni in Persiceto (BO).

 

Domenica 28 ottobre

Budrio
Pinacoteca Civica Inzaghi
Via Mentana, 32

Raccontare la storia

Ore 15.00-18.00

Tullo Golfarelli (1852-1928). Lo scultore dei lavoratori. Presentazione del libro.

Verrà presentato il volume della collana Scultori bolognesi dell’Otto e Novecento (Minerva, 2018), dedicato a quello che Giovanni pascoli definì lo scultore dei lavoratori. Il volume è a cura di Silvia bartoli e Paolo Zanfini con schede di Manuela Lamborghini e Roberto Martorelli. Verrà presentato al pubblico la bozza del monumento che l’artista realizzò a Budrio in memoria di Quirico Filopanti. A cura del Comune di Budrio in collaborazione con il Museo Civico del Risorgimento di Bologna.

 

Domenica 28 ottobre

Crevalcore (Bo)
Museo della Pace “Guido Mattioli”, sede di Crevalcore del Museo Archeologico Ambientale
Via Candia 385/A presso Centro Melò

Raccontare la storia

Ore 16.30

Memorie di guerra nel Museo della Pace. Presentazione della guida del museo e visita guidata alla sede espositiva.

Presentazione della guida e visita guidata alla nuova sezione del Museo Archeologico Ambientale ospitata all’interno del Centro Culturale Melò. Qui hanno trovato posto non solo i materiali già presenti nel dismesso museo della Pace, ma anche nuovi reperti e documenti, mai esposti sinora al pubblico, in grado di fornire al visitatore un nuovo e suggestivo impatto visivo della storia del Novecento.

 

Domenica 28 ottobre

Villanova di Castenaso (Bo)
MUV – Museo della civiltà Villanoviana
Via Tosarelli, 191

Raccontare la storia

Ore 16.30
La capanna villanoviana. Laboratorio per bambini (+ 6 anni).

Dopo la visita guidata al MUV e alla capanna villanoviana, i bambini si cimentano nella realizzazione di un modellino di un’abitazione villanoviana. Gradita la prenotazione allo 051780021. Costo: €3 a bambino, gratuito per un accompagnatore.

 

Il programma della XV Festa Internazionale della Storia continua, fino al 14 dicembre, con altri incontri, conferenze e approfondimenti, elencati qui di seguito.

 

 

Domenica 4 novembre

San Giovanni in Persiceto (Bo)
Piazza del Popolo
(punto di ritrovo)

Ore 15.00

Cento anni dalla fine della prima guerra mondiale. Passeggiata in bicicletta.

Un giro in bicicletta visitando i monumenti ai caduti della Grande Guerra, ricordandone la fine, esattamente 100 anni fa. Saremo accompagnati da racconti dei diari dei soldati e ufficiali che hanno vissuto la Prima Guerra Mondiale.
A cura dell’Associazione FIAB Terre d'Acqua, con la collaborazione dell’associazione Emilia-Romagna al fronte, il Museo archeologico ambientale e il Comune di san Giovanni in Persiceto

 

Giovedì 8 novembre

Ozzano dell’Emilia (Bo)
Scuola primaria B. Ciari
Viale II Giugno, 49

Ore 17.00-18.30

Il Piccolo Principe: musicastoriando. Concerto.

Piccolo coro della classe II C della scuola primaria B. Ciari di canzoni della Prima Guerra Mondiale nella cornice del Piccolo Principe.

 

Domenica 11 novembre

Villanova di Castenaso (Bo)
MUV – Museo della civiltà Villanoviana
Via Tosarelli, 191

Ore 16.30
La casa etrusca. Laboratorio per bambini (+ 6 anni).

Dopo la visita guidata al MUV e alla capanna villanoviana, i bambini realizzeranno un rocchetto ed una fusaiola in terracotta. Gradita la prenotazione allo 051780021. Costo: €3 a bambino, gratuito per un accompagnatore.

 

Giovedì 15 novembre

Villanova di Castenaso (Bo)
MUV – Museo della civiltà Villanoviana
Via Tosarelli, 191

Ore 21.00
Dalla capanna villanoviana alla domus romana. Conferenza.

Conferenza alla scoperta (o ri-scoperta) dei modi di abitare dei nostri antenati, dalla capanna villanoviana all’abitazione etrusca, fino alla domus romana

 

Venerdì 23 novembre

Budrio (Bo)
Le Torri dell’Acqua
Via Benni, 1

Ore 17.00

I mille volti della volenza, ditelo con un film. Conferenza con proiezioni.

Spezzoni selezionati della filmografia aiuteranno sia la riflessione che la progettazione futura. Si tratta di un'attività di carattere seminariale che, grazie anche alla collaborazione offerta dalla "Fondazione Argentina Bonetti Altobelli" ci permetterà di riflettere sulla complessità del fenomeno della violenza contro le donne al fine di aumentare la consapevolezza sul tema e sui risvolti, ma anche per arricchire i contenuti della contrattazione sociale e territoriale di ulteriori spunti e percorsi utili ad arginare un fenomeno che stenta a trovare ancora soluzione. A cura della Lega Spi CGIL/Coord. Donne Spi CGIL Budrio.

 

Lunedì 26 novembre

Budrio (Bo)
Centro Sociale Magnolia
Via Bianchi, 31

Ore 16.45

Vissi d’arte, vissi d’amore. Conferenza di Maria Chiara Mazzi.

Eroine - vittime nella storia del melodramma, dove i personaggi si esprimono con il canto e la musica. A cura della Lega Spi CGIL/Coord. Donne Spi CGIL Budrio.

 

Giovedì 29 novembre

Casalecchio di Reno (Bo)
Biblioteca Cesare Pavese
Sala Virgola
Via Porrettana, 36
0

Ore 17.30

Nell’ambito del Progetto ‘Aula dei ricordi Tommasina Giuliani’, presentazione di ricerche in corso dal titolo  Memorie scolastiche a Casalecchio di Reno, a cura di Mirella D’Ascenzo. Introduce Fabio Abagnato. Interventi di Mirella D’Ascenzo, Laura Fiocchi e Francesca Ventura.

 

Venerdì 30 novembre

Casalecchio di Reno (Bo)
Casa della Conoscenza
Via Porrettana, 360

Ore 17.00

La dea Ishtar e altre storie mesopotamiche. Storie, miti e credenze di una antica civiltà. Conferenza di Barbara Faenza.

L’antica Mesopotamia ci ha lasciato grandi e importanti miti che parlano dell’origine del cielo, della terra e della creazione dell’uomo.  Ci racconta delle grandi divinità cosmiche e celesti delle loro vicende famigliari e dei loro litigi, a volte burrascosi. In questo numeroso pantheon divino una figura spicca tra le altre: la dea Isthar. Signora del cielo e della terra, dea dalle molteplici facoltà e dagli innumerevoli poteri. Astuta e scaltra, potente e saggia.   Uno dei tanti nomi dati alla antichissima figura della Dea Madre. A cura dell’Associazione Amici della P. Levi / Valle del Reno, in collaborazione con la Biblioteca C. Pavese.

 

Venerdì 7 dicembre

Casalecchio di Reno (Bo)
Casa della Conoscenza
Via Porrettana, 360

Ore 17.00

Il potere e l’immaginazione. Riflessioni sul ’68, cinquant’ anni dopo. Conferenza di Carlo Monaco.

Attorno ad un anno, il 1968, si è creato un sostantivo, il sessantotto. Sono passati cinquant'anni. Una ricerca storica si rende necessaria per la ricostruzione di tanti fatti: lotte sindacali, operaie, studentesche ma anche lotte di popoli per la libertà, i diritti civili, la liberazione dal dominio straniero. Naturalmente lo scenario è complesso anche per la sua estensione geopolitica a quasi tutto il mondo. L'esperienza americana è per molti aspetti anticipatrice, già dai primi anni sessanta il movimento studentesco di Berkeley unifica i temi dei diritti civili dei neri con quelli della lotta contro la guerra del Vietnam e con altre esigenze più profonde. Ma il cuore del sessantotto è in Europa: a Parigi raggiunse la massima forza nel Maggio francese e nella sua capacità creativa dell'immaginazione al potere. A Praga ebbe il suo epicentro politico con la cosiddetta primavera di Praga e la speranza di un socialismo dal volto umano vanificata dai carri armati sovietici. La ricerca storica dovrà cercare di chiarire le idee principali che avevano in testa i protagonisti, le loro letture e i loro progetti. I grandi maestri e il successo delle tre M di Marx, Mao, Marcuse. Ma non potrà prescindere da una valutazione realistica dei risultati che un tanto vasto ed esteso movimento ha generato. Che cosa resta di tutto questo a distanza di cinquant'anni? Naturalmente uno spazio speciale deve avere la riflessione sul sessantotto in Italia, con la forte presenza di lotte studentesche, fino all'approvazione dello Statuto dei lavoratori e della legge sul divorzio. Ma anche con lo sviluppo di attività brigatiste e terroriste. Infine, un caso a sé è ciò che accadde a Bologna nel '77: un sessantotto in ritardo o qualcos'altro? A cura dell’Associazione Amici della P. Levi / Valle del Reno, in collaborazione con la Biblioteca C. Pavese.

 

Domenica 9 dicembre

Villanova di Castenaso (Bo)
MUV – Museo della civiltà Villanoviana
Via Tosarelli, 191

Ore 16.30
La domus romana. Laboratorio per bambini (+ 6 anni).

Dopo la visita guidata al MUV e alla capanna villanoviana, i costruiranno un frammento di mosaico ispirato ai modelli antichi. Gradita la prenotazione allo 051780021. Costo: €3 a bambino, gratuito per un accompagnatore.

 

Giovedì 13 dicembre

Casalecchio di Reno (Bo)
Casa della Conoscenza
Via Porrettana, 360

Ore 17.00
Il cibo fa storia: il trionfo del maiale. Conferenza.

Comunicazione del lavoro realizzato dalla classe IIA della S.M.S. Galilei (Istituto Comprensivo Croce).

 

Giovedì 13 dicembre

Villanova di Castenaso (Bo)
MUV – Museo della civiltà Villanoviana
Via Tosarelli, 191

Ore 21.00
Dalla capanna villanoviana alla domus romana. Conferenza.

Conferenza alla scoperta (o ri-scoperta) dei modi di abitare dei nostri antenati, dalla capanna villanoviana all’abitazione etrusca, fino alla domus romana.

 

 
 
 
 
A cura della Redazione Pianura Bolognese
 
 
 
 
torna ai contenuti torna all'inizio