salta ai contenuti
Turismo in Pianura
 

Sito ufficiale di informazione turistica della Pianura Bolognese

Pignoletto dei Colli Bolognesi

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Vino autoctono che ha ottenuto le certificazioni DOCG, DOC e IGT

 
Calice di Pignoletto - Consorzio Vini Colli Bolognesi
Calice di Pignoletto - Consorzio Vini Colli Bolognesi

Il Pignoletto è il nome del vitigno autoctono da cui si ottiene questo vino, considerato il "Re dei Colli Bolognesi".

 

Il vino - si legge nella scheda del Consorzio vini dei Colli Bolognesi - ha un bel colore giallo paglierino scarico con riflessi verdolini e profumo delicato, fruttato, intenso dei fiori di biancospino, dal sapore secco, armonico, asciutto ed abbastanza persistente; inoltre è fresco di acidità.

 

Il Pignoletto è presente nelle denominazioni DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita), DOC (Denominazione di Origine Controllata) e IGT (Indicazione Geografica Tipica). Lo spiega il direttore del Consorzio Vini dei Colli Bolognesi, Giacomo Savorini.

 

"Il Pignoletto DOCG - dice il direttore del Consorzio - viene prodotto in una zona più ristretta dei Colli Bolognesi, che comprende Monteveglio, Castello di Serravalle, Monte San Pietro e parte di Savigno, Zola Predosa e Sasso Marconi. Ha un disciplinare particolare ed esiste solo nella versione ferma". Il Pignoletto DOC viene prodotto in una zona più allargata, che va da Savignano sul Panaro fino a Monterenzio, a sud della via Emilia e a sud della Bazzanese. Esiste in versione ferma, frizzante, spumante e passita. Il Pignoletto IGT, infine, riguarda un'area ancora più ampia, che va da Parma al Sillaro.

 

Le normative del Ministero dell'Agricoltura e Foreste, di cui il Consorzio Vini Colli Bolognesi è il responsabile legiferante che ne tutela la qualità e la sincerità, consentono per almeno l'85% le uve dell'omonimo vitigno, mentre le restanti uve devono provenire da vitigni a "bacca bianca non aromatici" autorizzate e prodotte nel comprensorio Colli Bolognesi. La percentuale di uve dell'omonimo vitigno sale a 95% per la tipologia Classico Pignoletto DOCG.

 
Info

Le aziende della Pianura Bolognese socie del Consorzio Vini Colli Bolognesi:

  • BORTOLOTTI MARIA, Azienda Agricola di Cantelli Flavio - Vini di Qualità da Agricoltura Biologica - Via San Martino, 1 - 40069 Zola Predosa (BO) - tel. e fax 051 756763
  • FEDERICO ALDROVANDI, Azienda Agricola - Via Castelfranco, 4/G - 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) - tel. e fax. 051 6810296
  • GAGGIOLI MARIA LETIZIA, Azienda Agricola - Agriturismo Borgo delle Vigne - Via Raibolini Il Francia, 55 - 40069 Zola Predosa (BO) - tel. e fax. 051 753489
  • IL MONTICINO, vigne e vini dei colli bolognesi - Via Predosa, 72 - 40069 Zola Predosa (BO) - tel. 051 755260, fax. 051 729109
  • LODI CORAZZA, Azienda Agricola - Via Risorgimento, 223 - 40069 Zola Predosa (BO) - tel. e fax 051 756805
  • MANARESI, Podere Bella Vista - Via Bertoloni , 14-16 - 40069 Zola Predosa (BO) - tel. 051 751491
  • TENUTA SANTA CECILIA ALLA CROARA, Azienda Agricola Bio "Nicoletta Madrigali" - Via Croara, 7/h - 40068 San Lazzaro di Savena (BO) - tel. 051 6251905
  • TIZZANO s.r.l., Azienda Agricola - Via Marescalchi, 13 - 40033 Casalecchio di Reno (BO) - tel. e fax 051 571208, 051 577665
  • TOMISA di Zanotti Donatella e C. s.a.s., Società Agricola - Via Idice, 43/a - 40068 San Lazzaro di Savena (BO) - tel. 051 6288587, fax. 051 6288436, cell. 333 2650577

Il Consorzio Vini Colli Bolognesi ha sede in Via Abbazia 30/c, località San Teodoro,  40050 Monteveglio (BO), tel. 0039 051 6707752 

Come arrivare
Info sulla località

L'Ufficio IAT sovracomunale "Colli Bolognesi" ha sede presso Villa Edvige Garagnani a Zola Predosa e fornisce informazioni anche sulle località di Bazzano, Casalecchio di Reno, Castello di Serravalle, Crespellano, Monte San Pietro, Monteveglio e Savigno.

 

Villa Edvige Garagnani

Via Masini, 11 - 40069 Zola Predosa (BO)

Tel. +39 051 9923221
Fax +39 051 752838

 

Orario di apertura:

lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì 9,00-13,00 e 14,00-18,00

sabato 9,00-13,00

Chiuso martedì, domenica e festivi

 

 

Ultimo aggiornamento: 27-12-2016

 
 
A cura della Redazione Pianura Bolognese
 
 
 
 
torna ai contenuti torna all'inizio