salta ai contenuti
Turismo in Pianura
 

Sito ufficiale di informazione turistica della Pianura Bolognese

Budrio

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Pinacoteca Inzaghi  - Provincia di Bologna
Pinacoteca Inzaghi - Provincia di Bologna

Deriva da Butrium, toponimo molto diffuso in Italia fin dall'antichità. I significati variano da luogo fertile e ricco di pascoli a zona di bosco fino a terreno acquitrinoso, ipotesi quest'ultima da non escludere dato che in età tardo-antica vi giungevano per vie d'acqua le navi dal porto di Ravenna.

 

 

Budrio, patria dell'ocarina, è una città ricca di monumenti che ne testimoniano gli antichi fasti. 

Sopra i segni dell'originale pianta romana e medievale, il centro storico presenta un bell'aspetto sei-settecentesco, caratterizzato dal tradizionale elemento del portico. Fu infatti negli anni tra Rinascimento e Illuminismo che Budrio conobbe il suo massimo splendore economico, dovuto a una tecnica avanzata di lavorazione della canapa, di cui divenne l'esportatore esclusivo in molti paesi d'Europa.

In quegli anni di prosperità, sorsero molti degli insigni edifici della città, a cominciare da Palazzo Boriani Dalla Noce, ora sede della Biblioteca comunale che, con il Teatro, il Museo archeologico e la Pinacoteca "Domenico Inzaghi", costituisce un unico polo culturale.

Tante altre sono le tappe obbligate, a cominciare dalla chiesa di San Lorenzo, che conserva una preziosa tela del '400, la Torre dell'Orologio, la chiesa di San Domenico.


La statua che troneggia in mezzo alla piazza del paese raffigura il figlio più illustre di Budrio, Quirico Filopanti: patriota, politico, docente universitario, inventore e astronomo.

Una visita a Budrio non sarebbe completa senza aver comprato un esemplare dello strumento musicale inventato proprio qui: l' ocarina , cui è dedicato un curioso museo nonchè un festival internazionale che si svolge con frequenza biennale negli anni dispari.

Una gemma che da sola vale una visita è il complesso delle ville dei Malvezzi-Campeggi, nella piccola frazione di Bagnarola (4 km). Definito la "Versailles bolognese", il complesso offre una "vera sintesi di tutta la civiltà delle ville del Bolognese". 

 

Girovagando nei dintorni, a 1 km dal centro, si incontra la chiesa dei Santissimi San Gervasio e Protasio, una delle pievi più antiche e interessanti del Bolognese. Nella chiesa di Vedrana, 5 km a nord-est del capoluogo, si segnalano invece gli affreschi del Guardassoni.
Interessante il recupero dell'ex acquedotto, trasformato nel centro di incontro e spazio culturale delle Torri dell'acqua .

 
 
Alcuni dati
Distanza da Bologna:
Km. 19
 
Altitudine:
m. 9/37
 
Popolazione:
18.412 (al 1 gennaio 2016)
 
Giorno di mercato:
martedì
 
Patrono:
San Lorenzo (10 agosto)
 
Frazioni:
Bagnarola, Cento, Prunaro, Vedrana, Mezzolara, Armarolo, Dugliolo, Vigorso, Riccardina, Cazzano.
 
Manifestazioni ricorrenti

Mercatino dell'antiquariato: 1a domenica di ogni mese escluso agosto.
Carnevale, a Budrio, Vedrana e Mezzolara.
Primaveranda, mostre, spettacoli, mercati e manifestazioni sportive: tra aprile e maggio.
Festival internazionale dell'Ocarina: evento biennale (primavera degli anni dispari).
Concorso Internazionale di Canto Lirico Anselmo Colzani: 1a settimana di maggio.
Abribu, manifestazione agricola e alimentare con mercatini della salute che espongono prodotti naturali e biologici: 1a e/o 2a settimana di ottobre.
Fiera della cipolla, a Mezzolara: fine settembre.
Festa dello sport: ottobre.
Una notte ai Musei e festa di strada, musei aperti, mostre, visite guidate, spettacoli, mercatini, negozi aperti fino a mezzanotte: fine settembre.

Per informazioni

URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Budrio

Piazza Filopanti 11 - 40054 Budrio (BO)

Tel.  +39 051 6928241  

Fax  +39 051 6928285
Numero verde  800 215255


Orari di apertura:

lunedì, martedì, giovedì e venerdì 8.00 - 13.00

mercoledì 15.00 - 18.30

sabato 8.30 - 11.30


Orario di apertura mese di agosto:

da lunedì a venerdì 8.00 - 13.00

sabato 8.30 - 11.30


Ultimo aggiornamento: 17-01-2017
 
 
A cura della Redazione Pianura Bolognese
 
 
 
 
 
 
 
torna ai contenuti torna all'inizio